News

Nuovi incentivi per Imprese e PMI

Sono operativi gli incentivi del Decreto Rilancio per la capitalizzazione delle PMI, mancano solo i provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate, a cui bisognerà presentare domanda, per accedere alle agevolazioni.

I decreti attuativi riguardano due misure introdotte con il Decreto Rilancio: il credito d’imposta per la capitalizzazione delle piccole e medie imprese danneggiate dal Coronavirus e il Fondo Patrimonio, che consente di investire in strumenti finanziari emessi da imprese con determinati requisiti specifici.

Il primo corrisponde ad un credito di imposta del 20% della somma investita nell’aumento di capitale, con un investimento non superiore ai 2 milioni di euro, e partecipazione posseduta fino al 31 dicembre 2023.

Riguarda gli investimenti in società di capitali o cooperative (ad esclusione di quelle dei settori bancario, finanziario e assicurativo) con sede legale in Italia, con ricavi compresi fra 5 e 50 milioni di euro e un calo dei ricavi nei mesi di marzo e aprile 2020, a causa dell’emergenza Covid-19, non inferiore al 33% rispetto al 2019.

È previsto anche un ulteriore credito per l’impresa pari al 50% delle perdite eccedenti il 10% del patrimonio netto, fino a concorrenza del 30% dell’aumento di capitale stesso.

Il secondo decreto riguarda il Fondo Patrimonio PMI, attraverso cui si potrà sottoscrivere obbligazioni o titoli di debito di imprese con ricavi superiori a 10 milioni che effettuano un aumento di capitale non inferiore ai 250mila euro.

Il finanziamento deve essere destinato ad investimenti, capitale circolante e costi del personale.

Segui i nostri Canali Social

Consulenza, Affiancamento, Adempimenti fiscali e societari, Contrattualistica, Area Finanziaria

error: