News

Decreto Libera Italia: bozza non ufficiale

Il Decreto in bozza, ancora non ufficiale, prevede il Titolo I che comprende le “Disposizioni in materia di Semplificazioni” (per i Cittadini, per le imprese, in materia di lavoro, di appalti pubblici, di ambiente, di agricoltura, di ricerca fino ad una “VII sezione- Altre disposizioni di Semplificazione). Mentre il Titolo II, comprende “Disposizioni in materia di sviluppo”, dalla digitalizzazione del paese con l’introduzione di una promettente Agenda digitale italiana, all’ Università, dall’Istruzione al Turismo, dalle Infrastrutture energetiche e metanizzazione a Disposizioni per le Imprese e i cittadini meno abbienti.

Tra le misure introdotte:

  • Il terzo scostamento di bilancio, di circa 10-20 miliardi di euro, servirà a prorogare le misure a sostegno di imprese e lavoratori ma gli aiuti saranno previsti solo per i settori in maggiore difficoltà economica.
  • La proroga alla CIG sarà prorogata al 31 dicembre 2020 ma potrebbero esserci incentivi alle imprese che rinunceranno all’ammortizzatore sociale.
  • Piu deficit a sostegno di Comuni e Regioni
  • Proroga del blocco dei licenziamenti fino a dicembre.

Resta momentaneamente in dubbio il taglio dell’IVA.

Nel pacchetto di misure alcune delle novità prevedono un sistema di tagli e premi per le amministrazioni che non comunicano i dati sull’iter degli investimenti, ma anche un bollino di qualità per le imprese che dovranno presentare un certificato di sostenibilità economico-finanziaria per accedere agli investimenti pubblici.

Nel decreto entrerà anche la riforma del Cipe, il braccio operativo del Governo in termini di investimenti nelle infrastrutture. Spazio anche a misure per incentivare lo sviluppo della banda-ultralarga: dai mini-scavi con le cosiddette mini-trincee alle autorizzazioni archeologiche più veloci.

Bozza non ufficiale Decreto Libera Italia

Segui i nostri Canali Social

Consulenza, Affiancamento, Adempimenti fiscali e societari, Contrattualistica, Area Finanziaria

error: