News

Decreto Green Pass e nuove regole

Il Consiglio dei Ministri ha varato il c.d. Decreto Green pass, che, oltre a prorogare al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza, ha introdotto significative novità in merito all’uso del c.d. certificato verde.

In particolare:

1) chi avrà le certificazioni verdi Covid-19 comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (validità 9 mesi) o la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) o chi avrà effettuato un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore) potrà accedere alle seguenti attività:

· Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso

· Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi

· Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;

· Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;

· Sagre e fiere, convegni e congressi;

· Centri termali, parchi tematici e di divertimento;

· Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;

· Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;

· Concorsi pubblici.

2) il decreto ha modificato i criteri per i colori delle Regioni, prevedendo modalità differenti per gli eventi culturali e sportivi;

3) si prevede che i titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione si potrà incorrere a una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia per l’esercente che per l’utente. In caso in cui la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, potrà essere applicata la sanzione della chiusura dell’esercizio per un minimo di 1 a un massimo di 10 giorni;

4) Per finire il decreto prevede la definizione di un protocollo d’intesa con le farmacie e con le altre strutture sanitarie al fine di assicurare fino al 30 settembre 2021 la somministrazione di test antigenici rapidi a prezzi contenuti che tengano conto dei costi di acquisto.

Dal prossimo 6 agosto, quindi, avere il certificato verde in tasca o sul proprio smartphone diventerà la condizione necessaria per una cena al chiuso al ristorante, una giornata in piscina, un allenamento in palestra, così come per andare a cinema e teatro, partecipare ad attività ed eventi. La misura doveva servire soprattutto a rianimare la campagna vaccinale, convincere gli indecisi: per ora i numeri dicono che sta funzionando.

Nella giornata di venerdì in Lombardia si è passati da 28mila a 49mila prenotazioni per il vaccino in 24 ore, nel Lazio si sono prenotati in 55mila, quasi dieci volte di più.

IN SINTESI

principali novità previste dal DL 105-21 pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

– proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre 2021

– nuove regole per l’utilizzo del Green Pass dal 6 agosto 2021

–  criteri per la “colorazione” delle Regioni, dal 1° agosto

Il Decreto prevede

  • A partire dal 6 agosto, restrizioni personali all’accesso ad alcune attività per chi non sia in possesso di Green Pass /test molecolare antigenico (quali ad esempio attività di ristorazione, di pubblico spettacolo, concorsi etc – vedi art. 3);
  • Sanzioni per gestori di attività che non facciano rispettare le regole previste dal Decreto.

Il Governo ha inoltre previsto un Fondo discoteche per i ristori alle sale da ballo (che resteranno chiuse) e ha richiesto l’elaborazione di un protocollo d’intesa del Ministero Salute con le farmacie e con le altre strutture sanitarie al fine di assicurare fino al 30 settembre 2021 la somministrazione di test antigenici rapidi a prezzi contenuti che tengano conto dei costi di acquisto.

–> SCARICA IL TESTO COMPLETO DEL PROVVEDIMENTO

Segui i nostri Canali Social

Consulenza, Affiancamento, Adempimenti fiscali e societari, Contrattualistica, Area Finanziaria

error: