News

Cartelle esattoriali – Proroga al 31 dicembre 2021 e nuove scadenze 2022

Rammentiamo ai contribuenti con piani di rateizzazione decaduti prima della sospensione dell’attività di riscossione, che possono presentare una nuova richiesta di rateizzazione, senza l’obbligo di saldare le rate scadute del precedente piano.

Entro il 31 dicembre si potrà richiedere una nuova rateazione per le somme ancora dovute dai contribuenti decaduti dai benefici della prima Rottamazione (DL n. 193/2016) e della rottamazione bis (DL n. 148/2017). 

La proroga è prevista anche per i mancati pagamenti delle rate in scadenza 2019 di rottamazione ter, “Saldo e stralcio” e “Definizione agevolata delle risorse UE” .

Per tutte le cartelle di pagamento notificate dal 1 settembre 2021 al 31 dicembre 2021, il termine di pagamento è di 180 giorni e non di 60 giorni; termine che interesserà anche le cartelle esattoriali che saranno notificate nel primo trimestre 2022.

Entro la scadenza di 180 giorni non decorrono interessi di mora, né possono essere adottate misure cautelari o avviate procedure di pignoramento.

Nuovi termini di decadenza per le rateizzazioni

Per le rateizzazioni in essere all’8 marzo 2020 cioè prima dell’inizio del periodo di sospensione della riscossione conseguente all’emergenza epidemiologica Covid-19, è prevista l’estensione da 10 a 18 del numero di rate che, se non pagate, determinano la decadenza della dilazione concessa. 

Per le restanti rateizzazioni riferite a richieste presentate fino al 31 dicembre 2021, la decadenza si determina nel caso di mancato pagamento di n. 10 rate.invece delle 5 ordinariamente previste, dal 1 gennaio 2022 per le nuove richieste di rateazione i termini di decadenza ritorneranno ad essere ordinari in 5 rate.

Rimaniamo disponibili per eventuali richieste, anche via mail, da inviare alla attenzione di michela.andreocci@studiopallino.it

Segui i nostri Canali Social

Consulenza, Affiancamento, Adempimenti fiscali e societari, Contrattualistica, Area Finanziaria

error: