STUDIO PALLINO
Mancato ricevimento della fattura elettronica

Notizia inserita in data: 27/5/2019

Notizia letta 152  volte 

Vota: 4/5 (1 votanti)

 

Con l’introduzione della fattura elettronica a partire dal 1° gennaio 2019, l’unico documento valido fiscalmente è il documento in formato xml ricevuto tramite il Sistema di Interscambio e la sola fattura “cartacea” non ha rilevanza e non dà diritto alla detrazione Iva.

Con l’introduzione della fattura elettronica a partire dal 1° gennaio 2019, l’unico documento valido fiscalmente è il documento in formato xml ricevuto tramite il Sistema di Interscambio e la sola fattura “cartacea” non ha rilevanza e non dà diritto alla detrazione Iva.

In caso di mancata ricezione della fattura elettronica o ricezione della stessa con delle irregolarità,

per non incorrere nella sanzione pari al 100% dell’Iva, il cessionario entro trenta giorni successivi alla scadenza dei 4 mesi dall’effettuazione dell’operazione senza che sia arrivata la fattura, deve:

  • versare l’Iva con il modello F24 utilizzando il codice tributo “9399 – regolarizzazione operazioni soggette ad Iva in caso di mancata o irregolare fatturazione – Articolo 6, comma 8, D.Lgs. n. 471/1997”;
  • inviare un documento con i dati della fattura all’ufficio competente. A tal proposito nella fatturazione elettronica è previsto il codice Tipo documento pari a TD20 – Autofattura, da utilizzare in caso di emissione dell’autofattura per regolarizzazione della fattura non ricevuta;
  • registrare il documento solo nel registro Iva acquisti al fine di esercitare la detrazione Iva.

Il cessionario o committente che, nell’esercizio di imprese, arti o professioni, acquista beni o servizi senza che sia stata emessa fattura nei termini di legge o con emissione di fattura irregolare da parte dell’altro contraente, sempreché non provveda a regolarizzare l’operazione con le modalità descritte, è punito in base all’articolo 6, comma 8, D.Lgs. 471/1997salva la responsabilità del cedente o del commissionario, con sanzione amministrativa pari al 100% dell’imposta, con un minimo di euro 250.

Carmine Pallino

Fonte: Copyright © Studio Pallino Commercialisti - Tutti i diritti riservati

Commenti:
Commento inserito da: Frank Heinz
Data inserimento: 5/31/2019 3:08:47 PM
Sito WEB:
Ciao, diamo prestiti a qualsiasi persona fisica o giuridica che possa onorare i suoi impegni. La nostra offerta di credito varia da € 3.000 a € 900.000, con un tasso di interesse nominale del 3%, indipendentemente dall'importo.Per ulteriori informazioni, contattaci via email: frannkheinz@gmail.com

Inserisci un commento:
Nome:*   
E-mail:*   
Sito Web:
Commento:*  
CODICE:                       7NSKQ

RISCRIVI IL CODICE:   
                                                           
*: Campi obbligatori 

 

 Google Play Store    App Store

Linkedin

Twitter

Studio Pallino - Commercialista e consuente paghe a Milano, Segrate, Bergamo e Roma - C. Fiscale e P.IVA 09608570157
©2005 - 2011 CEDAC SAS - Tutti i diritti riservati - Project and Design by Roberto Aiello